Orlando e l’odio omofobico

Quella di Orlando e’ la strage con il maggior numero di vittime della storia americana, uno choc che lascerà’  una  profonda ferita psicologica per lungo tempo.

Il movente sembra piuttosto evidente: omofobia. Quello che emerge e’ l’ evidente componente  di radicalizzazione di Omar Mateen nato negli Stati Uniti , musulmano di origine afgane,  che ha applicato alla lettera la Sharia. Legge che impone ancora oggi la pena di morte in nove paesi musulmani .Omar Mateen era in realta’gay o perlomeno, emerge che avesse forti tendenze omosessuali e quindi come mai tale odio?

L’omofobia e’ tutt’ ora molto diffusa e come predetto in alcune culture  più’ di altre.

Ed e’presente nelle religioni, in quella islamica più’ delle altre .E’vero che molte norme shariatiche sono identiche a quelle della Bibbia . Ma il cristianesimo e l’ebraismo si sono riformati, L’Islam fatica a rimodernarsi e ha norme medioevali perché’ ne condivide la Sharia.

Ma cos ‘ e’ in realtà l’omofobia?“Omofobia”e’ un termine coniato dallo psicologo George Weinberg, per definire la paura ( fobia ) irrazionale,  l’intolleranza e l’odio nei confronti delle persone omosessuali da parte della società’ eterosessuale . Fobia operante come pregiudizio. Pregiudizio che porta ad evitare  ed a condannare.

L omofobia e’ quell’insieme di pensieri , idee , opinioni che provocano emozioni quali ansia,  paura, disgusto, disagio, rabbia,  ostilita’nei confronti delle persone omosessuali.

Non si nasce omofobi, si diventa; attraverso l’educazione il contesto antropologico  i messaggi e la religione che più’ o meno apertamente condannano l’omosessualità’. Si eredita la convinzione che essere gay sia qualcosa di sbagliato di anormale,  di diverso.     La pressione morale di certe culture , così’ pervasiva, non puo’ che non sfociare in un’omofobia interiorizzata al punto che la condizione di omosessuale puo’essere vissuta con notevole sofferenza e sensi di colpa sopratutto se credenti. Dalla meta’ del XX secolo l’omosessualità’ e’ stata disconosciuta come crimine o malattia in quasi tutte le nazioni viene depennata dal Manuale Diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM), comunque lo status legale delle relazioni omosessuali varia enormemente  da uno stato all’altro e rimangono ancora giurisdizioni in cui alcuni comportamenti omosessuali sono considerati crimini e vengono puniti con pene severe , tra cui la morte.

Molti omosessuali sono costretti a nascondere i lori sentimenti e attivata causa della paura del giudizio e disapprovazione sociale. I tentativi di emancipazione dell’omosessualita’ cominciarono negli anni 60 del 1800, nel xx dalla meta’ degli anni 50 si ebbe un’accelerazione con l’aumento della visibilita’,  dell’accettazione dei diritti civili per lesbiche, gay e bisessuali .

Sigmund Freud nella sua elaborata teoria della sessualita’ introdusse il termine di bisessualita‘ innata che sta ad indicare che tutti gli uomini sono nati bisessuali ma attraverso degli sviluppi a livello psicologico, includendo sia fattori interni ed esterni , diventarono monosessuali mentre la bisessualità’e’ rimasta o rimane uno stato latente.

Omar Matteen era un gay bissesuale,  omofobo ( fortemente influenzato dalla cultura  e religione da cui proveniva). Il suo odio,  inserito in un quadro di personalita’fortemente disturbata e violenta, era l’odio verso la sua omossessualita ‘, verso i suoi sensi colpa, verso un’assenza di accettazione di se’ e un riconoscimento interiore ed esteriore.

Attraverso il massacro ignobile che Omar Mateen ha agito Al pulse di Orlando non solo ha voluto distruggere questa parte di se’e dall’altra la vita di altre persone che al contrario di lui si stavano divertendo e che si sentivano realizzati e felici nella loro identità.

Inneggiando All ‘Isis e l’appartenenza allo Stato Islamico personalita’ cosi'”confuse”e “disturbate”trovano un porto sicuro nei deliri assolutistici e violenti che caratterizzano tali tendenze terroristiche.

 

Emma Cosma

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...