La prima causa di depressione al mondo

Secondo un team di ricercatori provenienti da tutto il mondo, la maggiore causa di depressione al mondo è aver sofferto di abusi durante l’infanzia. Chi è stato abusato in giovane età, infatti, presenta maggiori probabilità che in età adulta gli venga diagnosticata una depressione clinica – e ancor più se sono geneticamente predisposti a questa condizione.

Per un arco di tempo di tre anni gli scienziati hanno analizzato pazienti provenienti da 41 diverse cliniche, in sette province spagnole, con un’età compresa tra i 18 e i 75 anni. Attraverso test genetici hanno scoperto che i partecipanti che hanno mostrato di avere limitata la funzione del gene implicato nel fattore neurotrofico cerebrale, e nella trasmissione della serotonina, erano ipersensibili agli effetti dannosi di abusi sui minori – sia che l’abuso fosse psicologico, fisico o sessuale. In altre parole, questa particolare mancanza di attività genica, sovrapposta a una storia abusiva, può comportare un aumento del rischio di soffrire di depressione.

Secondo Blanca Gutiérrez, professore del dipartimento di psichiatria all’Università di Granada e coordinatore principale di questo studio, questi risultati – recentemente pubblicati sul Journal of Psychiatry e Neuroscience – possono risultare significativi in termini di trattamento: “È un risultato importante”, afferma la dottoressa, “che dimostra una tripla interazione genetico-ambientale, la cui rilevanza è ancora più importante se si tiene conto che la risposta agli antidepressivi sembra essere fondamentalmente mediata da proteine, codificate proprio dai due geni che abbiamo studiato”.

La depressione e’ il male di vivere , il così detto “male oscuro”e le cause sono molteplici , genetico e ambientali e per ambientali s’intende come abbiamo appreso ed interpretato  anche ad amare ed ad essere amati. Il nostro Copione, negativo in questo caso. Per la persona depressa la realtà’, la vita e’ faticosa , oscura e senza speranza. Il depresso svaluta se stesso e gli altri.Probabilmente non gli e’ stata concessa l’opportunita’ di “pensare” in modo diverso. Questa” distorsione cognitiva “che caratterizza il dialogo interno del depresso provoca questi sentimenti ed emozioni di scoramento dove tutto appare inutile .Ma la depressione e’ anche frutto di una relazione affettiva che non c’e’stata , o che c’e’ stata in modo carente e disturbato e quindi la depressione diventa una strategia di sopravvivenza a questa mancanza. Attraverso una relazione affettiva” sana “e buona la persona depressa puo ‘imparare a vedere con occhi piu’gioiosi la vita. Questa relazione puo’ essere anche quella terapeutica. Lo psicoterapeuta puo’ essere la guida di una relazione empatica”nuova”che poi il depresso riporta nel mondo dove potrà’ uscire  dal ruolo di “vittima”.

Emma Cosma

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...